AML PACKAGE: TOWARD NEW EUROPEAN LEGISLATION

  • 31 Gennaio 2022
AML PACKAGE: TOWARD NEW EUROPEAN LEGISLATION

The Financial Intelligence Unit for Italy (FIU) has provided updates on the ambitious European reform package, “AML Package”, aimed at strengthening the legislation on money laundering and terrorist financing, published by the European Commission on 20 July 2021.

Specifically, the AML package, which consists of four European Commission proposals (3 regulations and a sixth AML Directive), promotes:

  1. The creation of a new European authority, the AMLA (“Anti Money Laundering Authority”), which will have a double role: the supervision of anti-money laundering, as “the core of an integrated system (…) consisting of the Authority itself and national authorities”; and the support to the analysis and cooperation of national FIUs as a supranational coordination mechanism.
  2. A more uniform and integrated system of anti-money laundering requirements for operators, which will be governed by Regulations, and therefore marked by details and direct applicability. In particular, it is provided for the adoption of a Single Rulebook, which will be composed of the “AMLR” Regulation and the relevant implementing provisions to be developed by AMLA, without prejudice to the possibility for the Member States to introduce or maintain stricter provisions. In addition, there will be a more stringently identification of the addressees of the provisions, as well as due diligence, suspicious transaction reporting, data retention, internal controls, and further limitations on the use of cash.
  3. The strengthening of the transparency and traceability of fund transfers, through the association of the identification data of the “sender” and the “beneficiary” to transfers that will be able to allow their “reconstruction”.
  4. The adoption of a Sixth Directive to replace Directive 2015/849/EU. The “AMLD 6” will contain rules on national and supra-national risk assessment procedures, on the identification of third countries “at-risk”, on the transparency of “beneficial ownership”, on the establishment of national archives useful for analysis, and control. The Directive also defines the AML supervisory functions and the tasks and powers of FIUs.

The negotiations on the Package, which started in 2021, are being actively followed by the FIU and other national FIUs with the aim of contributing to the work of the European Council through the national delegations. They will continue in the first half of 2022 under the French Presidency.

****

AML PACKAGE: VERSO LE NUOVE RIFORME EUROPEE

Con la quinta newsletter dello scorso dicembre 2021, l’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia (UIF) ha fornito aggiornamenti sull’ambizioso pacchetto di riforme europee, “AML Package”, volto a rafforzare la normativa sul riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo, pubblicato dalla Commissione Europea il 20 luglio 2021.

Nello specifico, il pacchetto legislativo che si compone di quattro proposte della Commissione europea (3 regolamenti e una sesta direttiva antiriciclaggio) promuove:

  1. La creazione di nuova autorità europea, l’AMLA ( “ Anti Money Laundering Authority) che rivestirà un un duplice ruolo: la supervisione dell’ antiriciclaggio, come “fulcro di un sistema integrato (…) composto dall’Autorità stessa e dalle autorità nazionali”; e il supporto alle analisi e alla cooperazione delle FIU nazionali quale maccanismo di coordinamento Sovranazionale.
  2. Un sistema più armonizzato e integrato degli obblighi antiriciclaggio per gli operatori, che verranno disciplinati da regolamenti, e dunque saranno caratterizzati da un maggiore dettaglio e dall’applicabilità diretta. In particolare, si prevede l’adozione di un Single Rulebook che sarà composto dal regolamento “AMLR” e dalle relative disposizioni applicative che verranno elaborate dall’ AMLA, ferma restando la possibilità per gli Stati membri di introdurre o mantenere disposizioni più rigorose. Inoltre, saranno definiti in maniera più stringente i destinatari degli obblighi nonchè l’adeguata verifica, la segnalazione di operazioni sospette, la conservazione dei dati, i controlli interni e ulteriori  limitazioni dell’uso del contante.
  3. Il rafforzamento della trasparenza e della tracciabilità dei trasferimenti di fondi, attraverso l’associazione dei dati dati identificativi dell“ordinante” e del “beneficiario ai singoli trasferimenti che saranno in grado di consentirne la “ricostruzione”.
  4. L’adozione di una sesta direttiva che sostituirà la direttiva 2015/849/EU. La “AMLD 6” conterrà regole sulle procedure di valutazione dei rischi nazionali e sovranazionali, sull’individuazione di paesi terzi “a rischio”, sulla trasparenza della “titolarità effettiva”, sull’istituzione di archivi nazionali utili per le analisi e per i controlli. La direttiva, definisce inoltre le funzioni di supervisione antiriciclaggio e i compiti e poteri delle FIU.

I negoziati sul Package, avviati nel 2021, sono attivamente seguiti dalla UIF e dalle altre FIU nazionali con lo scopo di contribuire ai lavori del Consiglio Europeo attraverso le Delegazioni nazionali. Essi proseguiranno in questo primo semestre del 2022 con la presidenza della Francia.

For more information on this please contact:

Avv.Giovanna Aucone
Partner
E.: aucone@pglegal.it

Avv. Valentina Groccia
Associate
E.: groccia@pglegal.it