Linked Policies: The Draft Of The Ivass Regulation Under Consultation

  • 15 Marzo 2022
Linked Policies: The Draft Of The Ivass Regulation Under Consultation

IVASS has placed in public consultation the Draft Regulation containing the provisions relating to insurance contracts pursuant to Article 41, paragraphs 1 and 2, of Legislative Decree no. 209/2005. The article refers to the so-called linked contracts, the benefits of which are directly linked to the value of quotas of collective investment bodies or internal funds, or to indices or other reference values.

The new Draft Regulation takes into account the need to ensure adequate coordination and consistency with the regulatory interventions, of the European and national matrix, which have followed one another over time. In particular, the IVASS Regulation implements article 41 of the CAP, as amended by Legislative Decree 74/2015, when implementing the Solvency II Directive. Article 41, paragraph 5, provides, against the more general principle of freedom of investment of companies to be exercised in compliance with the principle of the prudent person, introduced by Solvency II, that IVASS may provide for constraints and limits to the types of assets and reference values, for a particular type of policy, in which the investment risk is borne by the insured natural person.

The national legislator has retained the possibility of envisaging such limits and, in doing so, has referred to the provisions regarding certain types of Undertakings for Investment in Transferable Securities (UCITS) to ensure uniformity with the discipline of similar products on the financial market. The European legislation has, therefore, introduced, for the implementing provisions dictated by IVASS, the benchmark constraint of “no greater restrictiveness” compared with what is foreseen by Community and domestic legislation on the subject of certain types of UCITS. This is with a view to achieving integration between markets and adequate inter-sector coordination.

IVASS has taken this parameter into account in articulating the new framework on the subject, also pursuing the objective of ensuring a prudent placement of products that are riskier than those that can be subscribed to.

Any observation, comment and proposal relating to the Draft Regulation may be sent to IVASS, by 9 June 2022, to the email address regolamentazionelinked@ivass.it , using the tables, to be filled in in word format. At the end of the public consultation phase, the comments received will be made public on the IVASS website, with the indication of the sender and the consequent IVASS resolutions.

***

POLIZZE LINKED: IN CONSULTAZIONE LO SCHEMA DI REGOLAMENTO IVASS

L’IVASS ha posto in pubblicazione generale lo Schema di Regolamento recante le disposizioni in materia di contratti di assicurazione di cui all’art. 41, commi 1 e 2, del d. lgs. n. 209/2005. Si tratta dei contratti c.d.  linked, le cui prestazioni sono direttamente collegate al valore di quote di organismi di investimento collettivo del risparmio o di fondi interni, ovvero a indici o ad altri valori di riferimento.

Il nuovo Schema di Regolamento tiene conto dell’esigenza di assicurare adeguato coordinamento e coerenza con gli interventi normativi, di matrice europea e nazionale, succedutisi nel tempo. In particolare la regolamentazione IVASS dà attuazione all’art. 41 del CAP, così come modificato dal d. lgs. n. 74/2015, in sede di recepimento della Direttiva Solvency II. L’art 41, al comma 5, prevede, a fronte del più generale principio di libertà di investimento delle imprese da esercitarsi nel rispetto del principio della persona prudente, introdotto da Solvency II, che l’IVASS possa prevedere vincoli e limiti ai tipi di attivo e ai valori di riferimento, per una particolare tipologia di polizze, in cui il rischio di investimento è sopportato dall’assicurato persona fisica.

Il legislatore nazionale ha mantenuto la possibilità di prevedere siffatti limiti e, nel fare ciò, ha richiamato le previsioni in materia di taluni tipi di Organismi di investimento in valori mobiliari (OICVM) per assicurare uniformità con la disciplina di prodotti omologhi del mercato finanziario. La normativa europea ha, quindi, introdotto, per le disposizioni attuative dettate dall’IVASS, il
vincolo-benchmark “della non maggiore restrittività” rispetto a quanto previsto dalla
normativa comunitaria e interna in tema di determinati tipi di OICVM. Questo con la finalità di raggiungere l’integrazione tra i mercati e l’adeguato coordinamento intersettoriale.

L’IVASS ha tenuto conto di questo parametro per articolare la nuova disciplina in materia, perseguendo anche l’obiettivo di assicurare una prudente collocazione dei prodotti più rischiosi di quelli sottoscrivibili.

Eventuali osservazioni, commenti e proposte relative allo Schema di Regolamento possono essere inviate all’IVASS, entro il 9 giugno 2022 all’indirizzo di posta elettronica regolamentazionelinked@ivass.it, utilizzando le apposite tabelle, da compilare in formato word. Al termine della fase di pubblica consultazione saranno rese pubbliche sul sito dell’IVASS le osservazioni pervenute, con l’indicazione del mittente e le conseguenti risoluzioni IVASS.

For more information on this, please contact:

Giovanna Aucone
Partner
E:aucone@pglegal.it

Sara De Matteis
Senior Associate
E:dematteis@pglegal.it